Centro Corsi Yoga Alghero | Sassari | Sardegna | Corsi Lezioni Yoga Alghero | Varianti yoga
Il nostro Centro Yoga Alghero offre lezioni e corsi Yoga in tutte le sue varianti Ashtanga vinyasa yoga, Hatha Yoga, Sivananda, Hata e Chi gong. Scegli il corso che ti farà stare meglio a livello fisico e come benessere ogni stile può essere dinamico, rilassante. Che aspetti prenota subito la tue lezione con un nostro insegnante.
lezioni yoga alghero,lezioni yoga,yoga alghero,alghero yoga,corsi yoga alghero,corsi yoga,ashtanga yoga alghero,hatha yoga alghero,ashtanga,sivananda yoga,sivananda yoga alghero,hata yoga,hata yoga alghero,chi gong alghero,alghero,chi gong
70
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-70,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-12.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive
 

Corsi Yoga

Hatha Yoga

Nato in India, lo yoga è una disciplina che punta, attraverso esercizi fisici, meditazione e ascesi, a unificare il corpo e lo spirito. Anche se relativamente recente, in Occidente, lo yoga è ormai diventato fenomeno di culto, soprattutto grazie al credito accordatogli da varie star. L’Hata yoga è la forma più diffusa. Lo yoga non è certo recente: veniva praticato già in India tremila anni prima di Cristo. Yoga significa “unione” in sanscrito (lingua letteraria dell’India antica). È però solo nel quarto secolo a.C. che Patanjali, considerato il padre di questa disciplina, ha redatto lo Yoga Sutra, testo di base dello yoga. Qui descrive gli 8 aspetti – che paragona ai rami di un albero – che costituiscono lo yoga: Yama, la capacità di comunicare con la non-violenza, Niyama il rispetto per se stessi, Asana, le posizioni dello yoga, Pranayama, il controllo della respirazione, Prathyahara, l’ascolto sensoriale interno, Dharana, l’emancipazione della mente, Dhyâna la concentrazione, Samadhi, la liberazione e ultimo stadio della realizzazione personale.
I primi cinque degli otto aspetti appena descritti costituiscono le basi dell’ hatha yoga, una disciplina vera e propria che aspira alla salute e alla concentrazione per mezzo di uno stile di vita sano e alcune posizioni (le asana, per l’appunto).
La caratteristica fondamentale dell’ hata yoga consiste nella sua accessibilità a un pubblico eterogeneo, qualunque siano l’età, il sesso e le condizioni di salute. Privo di competizione, non è necessario avere competenze specifiche e i risultati dipendono soprattutto dalla volontà, la concentrazione e la perseveranza che ognuno di noi mette nel realizzare le posizioni. Inoltre, nonostante derivi da una pratica spirituale, non richiede assolutamente conoscenze filosofiche o religiose specifiche.
Procura svariati benefici al corpo: aumenta il tono muscolare, l’elasticità, l’equilibrio, la muscolatura degli addominali, diminuisce la massa grassa. Migliora al contempo lo stato di salute generale: eliminazione delle tossine, stimolazione degli organi vitali (digestivi, respiratori, sessuali…), miglioramento del funzionamento cardiaco e della resistenza.
Grazie alla concentrazione e alla forza di volontà che richiede, lo hata yoga influenza positivamente anche la mente. Lo stress e l’ansia diminuiscono progressivamente, e dopo alcune sedute si prova un profondo benessere che si ripercuote sulla vita quotidiana e nelle relazioni con gli altri.

 

Born in India, yoga is a discipline that aims, through physical exercises, meditation and asceticism, to unify the body and the spirit. Although relatively recent, in the West, yoga has now become a cult phenomenon, especially thanks to the credit granted by various stars. Hatha yoga is the most common form. Yoga is certainly not recent: it was practiced already in India three thousand years before Christ. Yoga means “union” in Sanskrit (literary language of ancient India). It is however only in the fourth century BC that Patanjali, considered the father of this discipline, drew up the Yoga Sutra, basic text of yoga. Here he describes the 8 aspects – which he compares to the branches of a tree – that make up yoga: Yama, the ability to communicate with non-violence, Niyama respect for oneself, Asanas, the positions of yoga, Pranayama, the control of breathing, Prathyahara, internal sensory listening, Dharana, the emancipation of the mind, Dhyâna concentration, Samadhi, liberation and the last stage of personal fulfillment.

The first five of the eight aspects described above form the basis of hatha yoga, a real discipline that aspires to health and concentration by means of a healthy lifestyle and certain positions (asanas, precisely).

The fundamental characteristic of hata yoga is its accessibility to a heterogeneous public, whatever its age, gender and health conditions. Without competition, it is not necessary to have specific skills and the results depend above all on the will, concentration and perseverance that each of us puts into realizing positions. Moreover, although it derives from a spiritual practice, it does not require any specific philosophical or religious knowledge.

Provides various benefits to the body: increases muscle tone, elasticity, balance, abdominal muscles, decreases fat mass. Improves at the same time the general state of health: elimination of toxins, stimulation of vital organs (digestive, respiratory, sexual …), improvement of cardiac functioning and resistance.

Thanks to the concentration and the willpower that it requires, yoga has a positive influence on the mind as well. Stress and anxiety decrease progressively, and after a few sessions there is a profound well-being that affects daily life and relationships with others

Ashtanga vinyasa yoga

L’ashtanga vinyasa yoga deriva dal Vinyasa, uno stile di hatha yoga basato sulla coordinazione di respiro e movimento come collegamento tra le posizioni. Il maestro che ha codificato e reso popolare l’Ashtanga è Pattabi Jois (1915-2009), formatosi all’Istituto Ashtanga Yoga di Mysore, nell’India meridionale. Qui Pattabi Jois è stato studente di Krishnamacharya, un importante maestro che insegnava una forma di yoga dinamica e vigorosa. Altrettanto dinamico e vigoroso è lo stile ashtanga che Pattabi Jois ne ha tratto.
Nei corsi di ashtanga gli studenti apprendono le asana in un ordine preciso e rigoroso, la pratica in classe e la pratica personale seguono uno schema ben definito. La sequenza di apertura prevende una serie di 8 o 10 saluti al sole, seguita da asana in piedi e da una delle sei sequenze principali di posture, chiamate “serie primaria”, “serie secondaria” e “serie avanzata”. Di quest’ultima esistono 4 varianti, per un totale di 6 sequenze predeterminate, una differente per ogni giorno della settimana. L’ashtanga incoraggia infatti la pratica quotidiana, anche individuale, prevedendo comunque un giorno di riposo.
La pratica di una sessione di Ashtanga Yoga termina spesso con l’esecuzione di un mantra.
L’esecuzione delle asana avviene in un flusso, le posizioni sono collegate tra loro da movimenti di transizione (vinyasa) e coordinate con il respiro, che riveste grande importanza. La respirazione è nasale, rumorosa, vigorosa e scandisce il movimento, che avviene sempre in corrispondenza di una espirazione o inspirazione.
La pratica personale dell’Ashtanga Yoga è una caratteristica dello stile Mysore, che prende il nome dalla città indiana in cui Pattabi Jois ha svolto per anni il suo insegnamento. È condotta individualmente anziché in una classe, preferibilmente nelle prime ore del mattino. Il maestro segue lo studente correggendone la posizione e assegnando le sequenze, che lo studente non può variare di sua iniziativa.
L’Ashtanga Yoga è uno stile molto rigoroso e impegnativo dal punto di vista fisico, adatto alle persone allenate e in buona salute, meno indicato per chi abbia problemi di salute e per i più anziani.
Le asana incluse nelle sei serie dell’Ashtanga sono talvolta molto complesse e per avanzare dalla serie primaria alle successive possono occorrere anni di pratica. Tuttavia deve essere ben chiaro che lo scopo dello studente non è padroneggiare le asana più difficili, ma mantenere la concentrazione sulla propria interiorità durante la pratica.” Corso Hatha Yoga – Centro Yoga Alghero”